Italian Journal of Criminology

The official journal of the Italian Society of Criminology

di Jutta M. Birkhoff • Melania Borgo • Ilaria Gorini • Enrico Brizioli • Claudio Zara • Chiara C. Monti


Notoriamente i suicidi aumentano con l’avanzare dell’età, ma il numero degli articoli scientifici incentrati sul fenomeno dei suicidi tentati/attuati dalle persone anziane è, per diversi motivi, nettamente inferiore rispetto a quelli pubblicati al riguardo per la fascia di età giovanile. In letteratura vengono comunque riportati svariati fattori di rischio suicidario per l’anziano, tra cui isolamento, solitudine, malattie croniche/invalidanti, depressione, demenza. Un fattore di rischio sembra inoltre essere il collocamento in una struttura assistenziale, circostanza ancora poco studiata e sottovalutata. Il presente lavoro, attraverso la presentazione di una seppur limitata casistica, intende proprio indagare il fenomeno dei suicidi tentati/attuati occorsi in Residenze Sanitarie Assistenziali a breve distanza temporale dall’inserimento. Le diverse diagnosi poste avevano tutte connotazioni depressive, noto fattore di rischio suicidario. Per potersi parlare di “suicidio” l’esito fatale deve essere voluto e preveduto dal soggetto, ragion per cui ci siamo chiesti se tale requisito fosse effettivamente presente nei pazienti della nostra casistica o se, proprio a causa della frattura traumatica della loro quotidianità dovuta all’inserimento in struttura, volessero unicamente lanciare un grido di aiuto attraverso un gesto impulsivo e incongruo, saltare dalla finestra, per ritornare a casa. Il momento dell’accoglienza in struttura sembra comunque essere un momento particolarmente delicato che necessita la massima attenzione da parte di tutti gli operatori sanitari coinvolti, anche e specialmente in un’ottica preventiva il suicidio.


Chiara C. MONTI, Kos Care s.r.l., Via Durini, 9, I - 20122 Milano
Claudio ZARA, Kos Care s.r.l., Via Durini, 9, I - 20122 Milano
Enrico BRIZIOLI, Kos Care s.r.l., Via Durini, 9, I - 20122 Milano
Ilaria GORINI, Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita, Università degli Studi dell’Insubria
Melania BORGO, Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita, Università degli Studi dell’Insubria
Jutta M. BIRKHOFF, Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita, Università degli Studi dell’Insubria



Per corrispondenza: Jutta M. BIRKHOFF •  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it


Tratto da: Rassegna Italiana di Criminologia n° 4/2019



COMPRA

Abbonamenti

Enti: Italia € 80,00
Estero € 120,00
Privati: Italia € 70,00
Estero € 110,00
Soci SIC: Italia € 55,00
Estero € 85,00

Le richieste d’abbonamento e ogni altra corrispondenza relativa agli abbonamenti vanno indirizzate a:
info@pensamultimedia.it  - Pensa MultiMedia Editore s.r.l. - Via A. Maria Caprioli, 8 - 73100 Lecce - tel. 0832.230435

Per maggiori informazioni clicca qui.

Segreteria

Di.M.I.M.P.
Sez. di Criminologia
Università degli Studi di Bari
Tel. 080 5478282
Fax 080 5478248

Contatti

Pensa MultiMedia Editore s.r.l.
Via A.M. Caprioli, 8
73100 Lecce

oppure scrivici