Rassegna Italiana Di Criminologia

Organo ufficiale della Società Italiana di Criminologia

di Gian Carlo Nivoli, Liliana Lorettu, L. Fabrizia Nivoli, M. Noemi Sanna, Alessandra M.A. Nivoli

Oggetto del presente studio è di illustrare, attraverso la descrizione di dodici casi clinici esemplificativi, la possibilità che lo psichiatra, nel suo colloquio clinico con pazienti in istituzione carceraria, riceva da questi errate informazioni. È importante, per lo psichiatra che opera in un’istituzione penitenziaria, sapere che il paziente può fornire informazioni di interesse psichiatrico, che non corrispondono al vero per vari motivi, tra cui: la difesa della propria vita, la protezione della sua integrità fisica, il desiderio di nascondere un reato commesso in carcere, uno stratagemma per evitare od abbreviare la durata della pena, l’ottenimento di un beneficio personale, un’opportunità ludica da sfruttare, la verbalizzazione mascherata di desideri di violenza, il bisogno di essere accettato, la ricerca del contatto fisico rassicurante, la simulazione consapevole ed inconsapevole, la dissimulazione per evitare conflitti, la presentazione del proprio doppio. È importante, quindi, che lo psichiatra che opera in carcere esamini ed approfondisca sempre con critica le informazioni che vengono fornite dal paziente e che conosca gli aspetti antropo-socio-psicologici della vita penitenziaria, per meglio contestualizzare le sue osservazioni psichiatriche.


Direttore della Clinica Psichiatrica Dell’Università degli Studi di Sassari, Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Materno Infantili, Università degli Studi di Sassari
Gian Carlo Nivoli
Professore associato, Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Materno Infantili, Università degli Studi di Sassari
Liliana Lorettu
Psichiatra Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Materno Infantili, Università degli Studi di Sassari
L. Fabrizia Nivoli
Ricercatrice, Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Materno Infantili, Università degli Studi di Sassari
M. Noemi Sanna
Ricercatrice, Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Materno Infantili, Università degli Studi di Sassari
Alessandra M. A. Nivoli
Per corrispondenza: Gian Carlo Nivoli, s.s. 200 Villaggio San Camillo Sassari; telefono 079228350,
email - clinpsic(at)uniss.it

Tratto da: Rassegna Italiana di Criminologia n° 3/2010



DOWNLOAD PDF

Abbonamenti

Enti: Italia € 80,00
Estero € 120,00
Privati: Italia € 70,00
Estero € 110,00
Soci SIC: Italia € 55,00
Estero € 85,00

Le richieste d’abbonamento e ogni altra corrispondenza relativa agli abbonamenti vanno indirizzate a:
info@pensamultimedia.it  - Pensa MultiMedia Editore s.r.l. - Via A. Maria Caprioli, 8 - 73100 Lecce - tel. 0832.230435

Per maggiori informazioni clicca qui.

Segreteria

Di.M.I.M.P.
Sez. di Criminologia
Università degli Studi di Bari
Tel. 080 5478282
Fax 080 5478248

Contatti

Pensa MultiMedia Editore s.r.l.
Via A.M. Caprioli, 8
73100 Lecce

oppure scrivici