Rassegna Italiana Di Criminologia

Organo ufficiale della Società Italiana di Criminologia

di Giovanna Ricci, Sandro Cagnucci, Piergiorgio Fedeli

 

Lo studio della normativa sulla prostituzione è stato il punto si partenza degli Autori per definire una panoramica del fenomeno prostitutivo, del suo strutturarsi e della percezione da parte della società; successivamente sono stati considerati gli aspetti prettamente criminologici del fenomeno scaturiti dall’analisi. Negli ultimi anni, a causa degli ingenti flussi migratori, si è aggiunto al fenomeno prostitutivo quello rilevante del traffico di esseri umani, anche minorenni, in costante crescita a livello internazionale. Il territorio di analisi del presente lavoro è quello che abbraccia il sud delle Marche e il nord dell’Abruzzo, mentre il Tribunale da cui sono stati acquisiti i dati è quello di Ascoli Piceno. L’articolo prende in considerazione due tipi di dati: quelli raccolti da associazioni pubbliche e private impegnate sul campo nella lotta alla prostituzione, e quelli inediti acquisiti direttamente al Tribunale di Ascoli Piceno, relativi a procedimenti pendenti o conclusi.

Il territorio mar chigiano, prima caratterizzato principalmente dal fenomeno della prostituzione in strada, ha subito una trasformazione diventando un’area di prostituzione sommersa, praticata da soggetti extracomunitari, concentrata soprattutto nelle zone costiere, negli appartamenti o nei locali notturni. Le etnie che maggiormente offrono sesso a pagamento sono quella nigeriana e romena, ma è emergente anche il dato della prostituzione cinese. Dall’analisi dei dati si evince che il fenomeno della prostituzione è caratterizzato da un numero considerevole di persone che gravitano nel settore, ma non emerge un coinvolgimento diretto delle grandi associazioni criminose; la gestione può essere qualificata come un fenomeno locale che vede un importante coinvolgimento dell’immigrazione clandestina e non. A fronte dei dati acquisiti sul campo, non vi sono sanzioni parimenti rilevanti; i dati del  ribunale di Ascoli Piceno depongono infatti per condanne numericamente poco consistenti rispetto al fenomeno

 

Ricercatore in Medicina Legale, Cattedra di Criminologia, Università degli Studi di Camerino

Giovanna Ricci

Assistente Giudiziario, Tribunale di Ascoli Piceno

Sandro Cagnucci

Professore Associato in Medicina Legale, Cattedra di Criminologia, Università degli Studi di Camerino

Piergiorgio Fedeli
Per corrispondenza: Piergiorgio Fedeli, Università degli Studi di Camerino, P.zza Cavour n. 19, 62032 CAMERINO (MC), Tel. 0737 402430 – fax 0737 402431 - e-mail: piergiorgio.fedeli(at)unicam.it

 

Tratto da: Rassegna Italiana di Criminologia n° 2/2013

 

compra

Abbonamenti

Enti: Italia € 80,00
Estero € 120,00
Privati: Italia € 70,00
Estero € 110,00
Soci SIC: Italia € 55,00
Estero € 85,00

Le richieste d’abbonamento e ogni altra corrispondenza relativa agli abbonamenti vanno indirizzate a:
info@pensamultimedia.it  - Pensa MultiMedia Editore s.r.l. - Via A. Maria Caprioli, 8 - 73100 Lecce - tel. 0832.230435

Per maggiori informazioni clicca qui.

Segreteria

Di.M.I.M.P.
Sez. di Criminologia
Università degli Studi di Bari
Tel. 080 5478282
Fax 080 5478248

Contatti

Pensa MultiMedia Editore s.r.l.
Via A.M. Caprioli, 8
73100 Lecce

oppure scrivici